Cessione di veicoli usati: trattamento iva

Pubblicato il da Redazione

Cessione di veicoli usati e trattamento IVA è il tema che affronteremo in questo post.

In particolare cercheremo di analizzare i casi che si possono presentare nel momento in cui ci si accinge a cedere il proprio mezzo di trasporto per il quale si è usufruito della detrazione IVA al momento dell'acquisto.

Ai sensi dell’art. 19-bis1 del decreto Iva, per le cessioni di veicoli usati quali:

- ciclomotori;

- motocicli;

- autovetture;

- autoveicoli;

a suo tempo importati o acquistati, anche utilizzando un’operazione di leasing, la base imponibile deve essere determinata applicando al corrispettivo pattuito la percentuale di detrazione che era stata utilizzata in sede di acquisizione come schematizzato nel seguente prospetto:

veicoli acquistati

detrazione iva operata in sede di acquisto del veicolo

regime fiscale previsto per la successiva cessione

entro il 31 dicembre 2000

Iva non detratta in modo totale

Esente ex art. 10, n. n. 27-quinquies, del decreto Iva

nel periodo dal 1° gennaio 2001 al 31 dicembre 2005

Iva detratta nella misura del 10%, senza successiva presentazione dell’istanza di rimborso

Base imponibile Iva nella misura del 10% del corrispettivo di cessione

 

nel periodo dal 1° gennaio 2003 al 31 dicembre 2005

Iva detratta nella misura del 10% più ulteriore 30% a seguito della presentazione dell’istanza di rimborso

Base imponibile Iva nella misura del 40% del prezzo di cessione posta in essere successivamente al 13 settembre 2006

nel periodo dal 1° gennaio 2006 al 13 settembre 2006

Iva detratta nella misura del 15%, senza successiva presentazione dell’istanza di rimborso

Base imponibile Iva nella misura del 15% del corrispettivo di cessione

 

nel periodo dal 1° gennaio 2006 al 13 settembre 2006

Iva detratta nella misura del 15% più ulteriore 25% a seguito della presentazione dell’istanza di rimborso

Base imponibile Iva nella misura del 40% del prezzo di cessione posta in essere successivamente al 13 settembre 2006

 

nel periodo dal 14 settembre 2006 al 26 giugno 2007

 

Iva detratta in relazione al principio di inerenza in relazione all’utilizzo

Base imponibile Iva nella misura corrispondente alla percentuale di tributo detratto in sede di acquisizione in elazione al principio di inerenza

 

dal 27 giugno 2007

 

Iva detratta nella misura del 40%

Base imponibile Iva nella misura del 40% del corrispettivo di cessione

Per completezza dell’argomento inerente alle cessioni dei veicoli usati, si rammenta che con l’art. 1, comma 261, lett. c), della legge finanziaria 2008 (Legge n. 244/2007), è stato coordinato il regime IVA inerente alle cessioni di beni il cui acquisto e/o l’importazione ha consentito di operare una detrazione parziale del tributo.

In concreto, risulta operativo il principio che la base imponibile delle cessioni di beni acquistati con la detrazione parziale dell'imposta nel rispetto del dettato dell'art. 19-bis1 del decreto Iva o di altre specifiche norme riguardanti l’indetraibilità oggettiva, deve essere individuata, in relazione all’art. 13 del decreto Iva, applicando al corrispettivo dell’operazione la medesima percentuale di detrazione che è stata esercitata in sede di acquisizione del bene.

Poiché l’art. 19-bis1 del decreto Iva, prevede espressamente che l'imposta versata per l'acquisto e/o l'importazione dei veicoli è detraibile:

nella misura ridotta del 40%, se vengono utilizzati solo parzialmente nell'esercizio dell'impresa, dell'arte o della professione;

per l'intero importo, se:

- l’acquirente svolge attività di agente e/o rappresentante di commercio;

- rientrano nell’ambito dell’oggetto dell'attività propria dell'impresa, come, a titolo meramente indicativo, nel caso del rivenditore o del concessionario di autovetture e autoveicoli;

- sono destinati ad essere utilizzati esclusivamente nell'esercizio dell'impresa, dell'arte o della professione;

tenendo in considerazione che alla medesima regola procedurale di detrazione del tributo sono soggette le operazioni inerenti all'acquisto e/o all’importazione dei componenti e/o di ricambi dei veicoli in argomento.

per approfondire Auto e fisco di A. Leonardi

Inoltre, si rammenta che nell'art. 19-bis1, lettere c) e d), del decreto Iva risulta presente il concetto unitario di "veicoli stradali a motore", che necessariamente comprende “tutti i veicoli a motore, diversi dai trattori agricoli o forestali, normalmente adibiti al trasporto stradale di persone o beni la cui massa massima autorizzata non supera i 3.500 kg e il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, non è superiore a otto".

Poiché l'individuazione dei beni deve essere ricercata esclusivamente nella lett. c) dell’art. 19-bis1, del decreto Iva, si potrebbe affermare che sussiste la detrazione integrale del tributo, quando il veicolo risulta effettivamente ed esclusivamente utilizzato nell'attività d’impresa o professionale.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: